02 Maggio 2019

Evento Culturale Matera e la Magna Grecia: a Matera e Metaponto

di Redazione Cralt Magazine
Oltre ai Sassi Tra gli elementi architettonici più apprezzabili della città è da annoverare sicuramente la Cattedrale ed un fantastico reticolo di viuzze che si snodano nel centro storico

Nota come “Città dei Sassi” e “Città Sotterranea”, è conosciuta in tutto il mondo per gli storici rioni Sassi, che fanno di Matera una delle città più antiche al mondo. I Sassi sono stati riconosciuti il 9 dicembre 1993 Patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, primo sito dell’Italia meridionale a ricevere tale riconoscimento e quest’anno la cittadina ha ricevuto il prestigioso titolo di Capitale europea della cultura.

Il Sasso Barisano, fulcro della città vecchia, è il più ricco di portali scolpiti e fregi che ne nascondono il cuore sotterraneo mentre il Sasso Caveoso assume vagamente la forma di una cavea teatrale, da cui probabilmente prende il nome. Al centro la Civita, dove si ergono i palazzi nobiliari e la Cattedrale costruita nel XIII secolo.

Tra gli elementi architettonici più apprezzabili della Cattedrale, il rosone centrale e il campanile alto 52 metri, all’interno degni di nota un affresco bizantino della Madonna della Bruna ed un affresco raffigurante il Giudizio finale.

La nostra visita guidata ai Sassi comprenderà un’interessante passeggiata lungo scalinate, viuzze e ‘vicinati’; ed ancora cripte, chiese rupestri, alcune delle quali con affreschi bizantini, edifici di stampo barocco e la magnifica Cattedrale. Si vedranno inoltre abitazioni tipiche con strutture particolari, allestite con arredi e attrezzi della civiltà contadina e panorami mozzafiato.

Terminata la visita si parte per Metaponto.

Metaponto
è stata una importantissima colonia della Magna Grecia, fondata verso la seconda metà del VII sec. a.C. Di questa splendida città, contrattasi con la conquista romana, restano importanti evidenze archeologiche. Infatti, la visita guidata ripercorre le tappe e i monumenti più importanti dalle cosiddette Tavole Palatine (ovvero il tempio di Hera), il Parco archelogico del Santuario urbano, con il teatro e il Museo archeologico nazionale di Metaponto, in cui sono esposti reperti che vanno dal XIII sec. a.C. (che testimoniano la presenza micenea sul territorio), fino al periodo imperiale di Roma. Immagini mitiche, gioielli, armature, raffigurazioni sacre, importanti vasi di ceramica raccontano di emigrazioni, di guerre e di eroi, di commerci, di culti e banchetti.

 Per accedere alla gallery della giornata precedente clicca qui